HomeLa Finestra Sul CortileA Belgrado il gay pride non passa

A Belgrado il gay pride non passa

Le nazioni slave che tendenzialmente si riconoscono nella tradizione nata dallo scisma foziano (cristiano-ortodosse) sono state ibernate in decenni di ateismo marxista, senza che molti fedeli abbiano perso una goccia della loro religione.

A cosa si deve questa particolare avversione verso i movimenti LGBTQ nei Paesi ortodossi? Secondo alcuni, il cristianesimo orientale è restato più solido e incontaminato non avendo conosciuto la diluizione dottrinale che ha investito in Occidente il cattolicesimo a seguito del Concilio Vaticano II, e secondo altri, il nazionalismo religioso delle singole chiese nazionali trova come ingerenze culturali straniere queste colorate esibizioni di trasgressione sessuale.

In ogni modo è assai curioso dover constatare che proprio dai Paesi che hanno conosciuto direttamente per decenni il socialismo reale, esplodano i fenomeni più viscerali di reazione identitaria, culturale, etnica, religiosa.

Video

Pietro Ferrari

RELATED ARTICLES

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img

Most Popular

Recent Comments

Iskander on Storia beffarda
Arjuna on Storia beffarda
Oggeri il Danese on DA TERZA ROMA A SECONDA PECHINO
Claudio Cantelmo on BOSCO MARTESE E DINTORNI …
davidedemario on L’antagonismo di Teheran