HomeTelodiceTopyCongresso comunale del PD cittadino, una nuova rinascita

Congresso comunale del PD cittadino, una nuova rinascita

Congresso del PD comunale ieri a Teramo presso la storica sede di Corso De Michetti, dopo un lungo periodo di commissariamento gestito da Pamela Roncone nominata a suo tempo dal segretario regionale Michele Fina. Sala gremita di partecipanti in rappresentanza degli iscritti dei vari circoli del territorio; di Teramo centro, S Nicolò, Colleatterrato-Nepezzano, Villa Vomano, ai quali si sono aggiunti dirigenti provinciali e regionali; dal segretario provinciale Possenti, il neo Senatore nonché segretario regionale Fina, la Presidente Regionale del partito Manola Di Pasquale, il consigliere regionale Pepe, Alberto Melarangelo Presidente del consiglio comunale.

Presenti anche non iscritti al Partito ma di area, con in prima fila il sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto, che ha preso parola relazionando su quanto fatto dall’Amministrazione e su quanto è in procinto di fare , sia sul piano della ricostruzione, (su Teramo sono stanziati circa 290 milioni di euro), che su interventi specifici dal Teatro Romano, alla ristrutturazione del Mercato Coperto, a tutti gli investimenti con l’uso delle risorse del PNRR.

Puntuale la relazione introduttiva del commissario Pamela Roncone, unica candidata alla carica di segretario, che ha fatto una analisi a campo largo sia della situazione politica nazionale e delle ultime elezioni politiche, nonché della situazione politica amministrativa locale. Molto critica l’analisi nazionale, positiva nei confronti di quella cittadina, dove il PD è forza di maggioranza con due assessori in giunta, Di Padova e Maranella, le quali nei loro interventi hanno relazionato sul proprio operato in Giunta.

La Ronconi nella sua relazione ha ribadito la tesi che sempre più tiene banco nel dibattito interno al partito, della necessità che questi torni fra la gente, con un dialogo diretto e costante con il proprio elettorato tradizionale, del mondo del lavoro, dei pensionati e dei bisognosi, che sempre più negli ultimi tempi si astengono dal voto oppure rivolgono il loro consenso ad altri partiti; dai Cinque Stelle a quelli di centrodestra. Criticate anche le correnti, che rappresentano solo esigenze personalistiche o di comitati ristretti elettorali, non punti di vista e posizioni politiche delle varie problematiche del territorio, sotto gli aspetti politici, economici e sociali.

Ronconi ha manifestato rammarico per la mancata elezione a Deputato, di Stefania Di Padova, causa il venir meno un risicatissimo numero di voti( 196 ). Nel valutare positivamente l’operato del PD cittadino a livello amministrativo ha ribadito la ricandidatura a Sindaco nel 2023 di D’alberto , cosa approvata per acclamazione da tutta l’assemblea congressuale. Molti gli interventi fra i quali si sono distinti quelli dell’ex Parlamentare Gianni Di Pietro , molto critico nei confronti della Regione, in particolare in rapporto alla politica sanitaria.

Di Pietro ha detto che tutte le discussioni che si stanno portando avanti sul sito per la realizzazione del nuovo ospedale si basano sul nulla, perché al momento a livello regionale non è stata elaborata e approvata nessuna proposta di realizzare a Teramo un nuovo ospedale tantomeno se di secondo livello. Stessa cosa ribadita nel suo saluto dal consigliere regionale Pepe che ha evidenziato nessuna programmazione sanitaria regionale sia in materia di servizi che di nuove strutture.

Gli interventi degli iscritti tutti concordi per una linea politica di ritorno alle attività nei circoli e che le correnti (cosa necessaria) siano caratterizzate a rappresentare le diverse anime e problematiche all’interno del Partito collegate al rapporto con la società nel suo complesso.

Conclusioni del segretario regionale Senatore Fina, che nel valutare positivamente il lavoro svolto dal Commissario Ronconi, ha ribadito la fiducia a D’Alberto e manifestato preoccupazioni al pari della Presidente Manola Di Pasquale per le prossime amministrative del 2023 , perché Fratelli D’Italia ( partito della Meloni ) farà di tutto per riportare nell’area di centrodestra la città di Teramo, finalizzando il tutto alle regionali del 2024.
L’Assemblea Congressuale ha eletto per acclamazione il nuovo direttivo comunale del Partito, al quale faranno parte di diritto tutti i dirigenti di livello superiore e coloro i quali ricoprono cariche istituzionali. Le riunioni del nuovo PD saranno sempre e comunque aperte anche a simpatizzanti e persone di area non iscritti.
Per acclamazione è stata eletta segretario l’ormai ex commissario Pamela Roncone.

Antonio Topitti

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img

Most Popular

Recent Comments

Iskander on Storia beffarda
Arjuna on Storia beffarda
Oggeri il Danese on DA TERZA ROMA A SECONDA PECHINO
Claudio Cantelmo on BOSCO MARTESE E DINTORNI …
davidedemario on L’antagonismo di Teheran