HomeScelti dalla redazioneControllo dei Costi e Prospettive Positive: Ruzzo Reti Prevede un Utile di...

Controllo dei Costi e Prospettive Positive: Ruzzo Reti Prevede un Utile di Oltre 500.000 Euro nel 2024

L’Assemblea dei Soci della Ruzzo Reti che si è riunita oggi, 21 dicembre, nella sede di via Dati a Teramo, ha votato all’unanimità tutti i punti all’ordine del giorno. Tra questi, il report semestrale al 30 giugno 2023 e il bilancio previsionale 2024.

L’Assemblea dei Soci ha, inoltre, rinnovato il Collegio sindacale, composto da Federico Iachini (Presidente), Antonella Coduti e Massimo Mancinelli e ha nominato il nuovo revisore dei conti nella persona del commercialista Jonny Mancini.

ALCUNI NUMERI
Nel corso del primo semestre 2023, Ruzzo Reti ha conseguito un utile d’esercizio di 140.251 euro, che per il 2024 si prevede che ammonterà ad oltre 500.000 euro.
I costi sono diminuiti di 1.342.000 euro rispetto al primo semestre 2022. In particolare, i costi per servizi, pari a 9.120.656 euro, sono in discesa di 586.131 euro, grazie anche alla riduzione dei costi per l’energia elettrica, a quelli degli oneri assicurativi e per una migliore gestione delle manutenzioni. Per lo stesso motivo è prevista una riduzione anche per il prossimo anno. Al 30 giugno 2023 i costi del personale, invece, ammontano a 7.050.169 euro e risultano perfettamente in linea con la semestrale precedente (7.038.102 euro). Per il 2024 si prevede che questa voce di bilancio diminuirà di circa 150. 000 euro rispetto al 2023 dando continuità ad una tendenza che ha visto questo costo scendere di oltre 1,2 milioni di euro negli ultimi esercizi. Ad aver subito un aumento sono solo i costi per materie prime (+130.246 euro rispetto al primo semestre 2022) a causa dell’aumento del costo dei materiali di magazzino per nuovi allacci e per le parti di ricambio per gli impianti. Per il 2024, però, è prevista una diminuzione di 100.000 euro circa rispetto al preconsuntivo 2023.

RECUPERO CREDITI
Le svalutazioni dei crediti sono diminuite grazie al miglioramento degli incassi che derivano dal recupero dei crediti incagliati. Il risultato è stato raggiunto grazie ad una serie di azioni strategiche, tra le quali la creazione, nel 2020, di una struttura organizzativa interna dedicata al recupero crediti, l’aggiornamento del software gestionale e l’attivazione di un servizio di avviso agli utenti in caso di bolletta insoluta a una settimana dalla scadenza.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img

Most Popular

Recent Comments

Iskander on Storia beffarda
Arjuna on Storia beffarda
Oggeri il Danese on DA TERZA ROMA A SECONDA PECHINO
Claudio Cantelmo on BOSCO MARTESE E DINTORNI …
davidedemario on L’antagonismo di Teheran